domenica 15 luglio 2018

Nulla è Andato Perso, concerto di Gianni Maroccolo a Capu Mannu Sardegna


“Nulla è andato perso” a Capu  Mannu
Tra i banchi vitrei delle rocce
e le insenature del mare
ormeggiano vallate variopinte
L'eco del Mana riverbera fiero.

Un Mana fluido, eterogeneo,
ansima tra piante e animali
e semina il cammino dello spirito.
-Tea-

Un mana ricco di armonie e flussi di tempo, in suoni che ancora echeggiano nelle anime, persone, astanti, che ieri sera, 14 luglio, sono state testimoni del concerto di Gianni Marrocolo dedicato a Claudio Rocchi.
Un viaggio, si può dire, la parola VIAGGIO viene usata in molti contesti.
Viaggio come cammino, percorso, nascita, movimento, morte, crescita, resurrezione e corruzione in senso strettamente metafisico. Il Viaggio a Capu mannu era tutto questo.
La musica, sempre lei, la Moira che equilibra gli eventi.
E i fonemi, l’insieme dei suoni che formano parole, i significati e significanti dei testi.
Ensamble d’eccezione, non credo ci siano parole adatte per spiegare l’unicità del concerto, e la bravura dei musicisti, Gianni Maroccolo, caposaldo, ci racconta le sue storie, la sua storia, ripercorrendo, rivisitando – ecco il VIAGGIO- riesplorando radici, vissuto e intimità grazie a un collettivo di musicisti impeccabili e umani che hanno reso proprie queste storie.

L’interpretazione della voce Andrea Chimenti, un recital di emozioni, le parole, chiare, precise, temi di umanità, analisi sociali, stati d’animo, introspezione, fiati sospesi, per una narrazione seria profonda, ma chiara e lineare per tutti. Le sonorità, effettistiche degli altri musicisti, un intreccio di fili perfetto, Antonio Aiazzi, Simone Filippi, e Beppe Brotto tessevano l’antico telaio della musica con bellissime trame. E a proposito di Beppe Brotto ricordiamo il progetto Lumen con Claudia Vincenzi che ci ha donato movimenti orientali e un intro al concerto magico e surreale, nonché un “intreccio” nel concerto di Maroccolo del tutto innovativo, la tampura delle volte sembrava quasi un suono di chitarra elettrica, distorta e intrigante.
E non meno importante, in mezzo a questo TUTTO, l’odore della salsedine, il riverbero del mare, lo sciabordio delle onde sulla scogliera di Capu Mannu, trasportava voci, le voci del mare, che accompagnavano il concerto, forse anche la voce lontana di Claudio Rochi, innamorato di questa terra magica, misteriosa e creativa, cantava insieme alla band, insieme alla terra da lui tanto amata.

Una nota di merito va anche ai musicisti sardi che hanno aperto il concerto, dapprima il cantautore Andrea Andrillo, che ci ha “donato” le sue storie come anime che vibrano intense narrazioni, e il chitarrista compositore Marco Lais, ancora una volta lasciandoci senza fiato con il S’Ard in Blues e le sue musiche.


Perché NULLA è ANDATO PERSO….
Grazie all'organizzatore Lello del Vita per le sue Visioni rese reali e tangibili.

TEA SALIS

è poi  c'ero anche io su quel palco, breve momento di lettura, 
e piacevole sensazione di libertà

mercoledì 16 maggio 2018

LETTERA A PEPPINO


A tutti quelli che sperano per davvero…
LETTERA A PEPPINO
Di Tea salis
Caro Peppino
Ti scrivo dalla Serra dei venti, 
paese di campagna,  tra oceani  di grano e campi coltivati.
Qui il mare non s’infrange nelle coste, ma si sente il suono, in reverberi, trasportato dal soffio del cielo.
Ti scrivo di notte, sono le ventitré e trenta circa del nove Maggio 2018.
Oggi parlavano molto di te sai? Oltre che di Moro.
Ed io guardavo e osservavo tutte le manifestazioni in tuo onore
La tua parola, la tua radio …
Vivono ancora, in coscienze che non sbiadiscono, e armano di buon senso,
sul vilipendio di una società dove sogghigna ancora la mafia…
Vivono,  le tue parole, ma vive ancora lei, spocchiosa.
Si perché cosa è la mafia?
Questa è la domanda che avrei voluto porti, perché io ancora non l’ho capito.
Avevo tredici anni quando portai per l’esame di terza media il mio tema sulla mafia,
tessuto d’informazioni prese dai libri, ma in fin dei conti,
cosa ne poteva sapere una bambina di tredici anni della mafia?
Ma tu che l’hai vissuta, la respiravi in casa e più di altri la contrastavi, mi avresti saputo dare una risposta.
Mi avresti spiegato perché la mafia “piace”, con giochi omertosi, inasprimento d’animo, recrudescenza mentale, e grovigli d’indifferenza.
L’indifferenza, siamo sempre li, Gramsci lo sapeva bene.
Vorrei poterti dire che il mondo sta cambiando in meglio, ma in realtà gli uomini continuano ad ammazzarsi a vicenda, sempre di più e con metodi peggiori, su un pubblico soggetto a vessazioni d’obbligo.
Sono sempre meno le persone come te…
Io percepisco la tua speranza,
la sento attraverso una sola cosa che ci accomuna.
L’arte
È forse la tua storia d’artista che m’appartiene?!
Ovvio non m’appartiene
Ma è una storia che riflette uno stato d’animo, un’emozione propria degli artisti, non te lo so spiegare,
una particolare sensibilità, uno sguardo  “soprasensibile “all’aldilà del mondo, all’aldiquà” del mondo come direbbe il caro amico Marc.
Non ho conosciuto te, ma ho sentito la tua storia direttamente dalle parole di tuo fratello Giovanni, nel suo passaggio in Sardegna a raccontarti.
Giovanni parla di te come ARTISTA,
l’essere artista la tua grande forza, come una matrice costante che nessuno ti poteva togliere, una seconda anima.
Riuscivi ad afferrare la realtà e a trovare una soluzione.
L’arte veicolava il tuo pensiero, un’estensione di te, esprimeva rabbia, amore, informava, raccontava e mai tradiva, lasciando pulviscoli dinoccolati nell’aria, di verità che arrivavano direttamente al cuore.
Ed è proprio questo che secondo me gli ha fatti incazzare, strappandoti al mondo così brutalmente.
Ma non sono riusciti a strappare la tue parole, a farle scoppiare in mille pezzi
No, non ci sono riusciti,
anzi ti sei fortificato e se la tua parola ancora stride e fa digrignare i denti vuol dire che c’è ancora bisogno di te, della tua arte, del tuo sorriso, della tua speranza, della tua bellezza.
Perché questa terra è bella, l’umanità è bella e non c’è bellezza più grande della loro condivisione
Affinché non ci sia più una “babele “di corruzione da erigere
Ma solo bellezza.
Io sento la tua stessa speranza…






domenica 26 novembre 2017

Come un Gatto...

È strano come delle volte ci si perde nel buio, senza godere delle sottigliezze e delle sfumature che emergono nell'oscurità. Colori che vedo anche se non c'è il sole, anche se i raggi non delineano i perimetri, i bordi, le linee dell'area circostante. La brezza torbida della notte fa impallidire l'arsura dell'estate e la terra ha un profumo di pulito che ossigena il corpo e la mente. 
Sono così piena di vi[s]ta che amo la tua pelle e la tocco nella notte volteggiando come un gatto, a scatti catturando ogni movimento del tempo. Le mie pupille conservano la luce e mi guidano ora. 
Sono "crepuscolare", ricettiva d'immagini nascoste...
e ciò che sfugge per antitesi di giorno , non mi è velato di notte, come quando l'inconscio nel sonno riaffiora, sfiora e sfora i tratti più profondi del nostro io.
[COME UN GATTO di Tea Salis]

mercoledì 18 ottobre 2017

è NATO- IL PRIMO FIGLIO LETTERARIO-

È nato
-Il primo figlio letterario-
Di Tea salis

È nato, un soffio sofferto e tempestoso, frutto di un amore incontrollato e meccanicamente organizzato, ma anche frutto di passione e di un qualcosa che difficilmente raggiunge la comprensione razionale.
Era lì, tra le mie mani, un odore di nuovo e di pulito mi avvolgeva, così fragile e piccolo. Si distinguevano tutti i caratteri, particolari legati al mio corpo e alla mia anima. È nato proprio il giorno del mio compleanno, una coincidenza apparente dietro una verità legata all’inesistenza del caso che si sfalda, come una rosa che piano, perde i petali intimoriti dalla brezza.
Prima ancora di pensarlo, mi trovavo a scrivere come blogghista su my space, all’epoca, uno dei primi social, scrivevo pensieri e mi divertiva condividere frasi e foto, di esperienze di vissuto quotidiano, dove un estraneo poteva dare un giudizio privo di qualsiasi attaccamento personale. In seguito la mia inclinazione nella scrittura mi portò a cercare un portale che avesse veramente le sembianze di un “diario personale letterario”, distaccandomi quindi dal senso di social per cercare proprio uno spazio dedicato alla scrittura e in particolare all’arte, così conobbi Splinder - è strano come l’uomo riesca a pensare ad un qualsiasi oggetto, che sia materiale o astratto, come fosse una persona-  quindi si, conobbi Splinder, una persona, e arrivò Feeria. Feeria, si, un omaggio a Tolkien, il reame periglioso e incantato dove l’immaginazione è più vera di una realtà tangibile e dove la libertà di espressione raggiunge picchi indescrivibili, imperscrutabili. Così doveva essere il blog. Doveva contenere i miei pensieri, i più intimi, i più astrusi, e tutto ciò che la mia mente elaborava artisticamente, nonché le notizie e le novità sul mio operato, sempre nel campo artistico.
Splinder non era solo uno spazio, perché come spazio personale si può benissimo scrivere un diario –i diari sono l’animo della vita, si differenziano dai ricordi perché non ne cambiano la verità, il ricordo con il passare degli anni, nonostante sia impresso nella memoria, tende a sfumare  o a cambiare qualche particolare, mentre il diario riporta le azioni, il colore dei sentimenti, il profumo dei gesti, il suono dei movimenti tali e quali come sono nati, pronti a riaffiorare nello stesso splendore quando vengono ripresi, capita anche di leggere qualcosa di dimenticato, o qualcosa che non si riesce a ricordare ma sai che è successo perché è scritto lì, nel tuo diario, in un preciso momento della tua vita, pronto a rispondere a molte domande che spiegano il perché di un gesto o di un modo di pensare che si ha, anni dopo- splinder, per tornare al filo del discorso era lo spazio che apriva il mio animo ad altre persone, come se chiunque passasse per Feeria ne stava violando i segreti, ne stava assaporando ogni forma, lasciata alla mercé di pareri, di altre labbra che a voce alta ne distinguevano caratteri e particolari o ne baciavano l’ampiezza, entrandovi smaniosamente.
Da my space a splinder erano nate amicizie che mi aiutavano a concepire il bambino che cresceva dentro di me, regalandomi pensieri, carezze e abbracci indicibili, ma anche raccomandazioni e spesso inadeguati commenti. Era normale ricevere anche delle presenze sgradite, splinder aveva tante stanze, e alcune venivano prese d’assalto da persone che non ne condividevano l’essenza, da gelose membra che incespicavano fra parole e nefandezze.
La stanza della donna bianca fu l’assoluto inizio della passione pronta a seminare, racchiudeva un piccolo racconto che dava inizio all’ amore per la scrittura come qualcosa di serio e inafferrato. Era il racconto di una donna misteriosa che entrava in casa mia, in modo spettrale e indefinito, annunciando la triste notizia, la morte di mia mamma, successe non molto lontano da casa, mentre giocavo senza malizia, con la fertile gioia di una bambina di undici anni, in una colonia estiva in montagna, in una landa immersa nel verde di quella bellissima isola che tanto mi appartiene.  Quel racconto destò l’interesse di diverse persone che volevano sapere il continuo della storia, ma in realtà il racconto nacque da solo, e nacque molto prima anche di splinder.
Nacque a undici anni, quando mia sorella mi teneva la mano e mi diceva in altre parole che mia madre era volata in cielo, ma la verità è che quando una persona è morta, è morta, mentre l’uomo tende sempre a dire, mamma è volata in cielo, o mamma ci ha lasciato, non ricordo in che modo lo disse, ma non disse mai è morta. Eppure è così, è morta, come se la durezza di questa parola portasse ad una certa consapevolezza mentre il dire “ci ha lasciti “o “è mancata” comporti il non averla persa del tutto lasciando l’infinita speranza che non ci abbia mai lasciati veramente.
Ma non è così, perché il tempo passa e ti accorgi che non c’è, nonostante la sua presenza sia sempre sentita in ogni parte della mia giornata. Ecco quella storia, la storia della donna misteriosa, nacque a in realtà a 11 anni, ed è proprio grazie al diario personale di bambina che mi sono ricordata di quando alle medie, il primo anno delle medie, nonché il primo anno scolastico senza mia madre, scrissi la storia della donna misteriosa – va specificato che la donna misteriosa, io non l’ho mai vista, ma è un fatto raccontato da mia sorella, successo proprio la notte prima della morte di mia madre- in un tema d’italiano. Il professore rimase affascinato dalla storia, un tipetto piccoletto, il proff., lo ricordo come di una persona molto gentile, con la faccia quadrata, gli occhiali, gli occhi piccoli e tanto disponibile nelle spiegazioni e nel far capire l’unica materia- insieme alla filosofia- a cui molti anni dopo mi sono affezionata, la letteratura; comunque mi disse di ricopiarlo in bella e di spedirlo per un concorso, dovrei ricontattarlo per poter ritrovare quel tema.
Non lo ricopiai mai, non partecipai, nonostante le insistenze. Non so perché, ero pigra, forse non ci credevo, ero triste, e senza mamma, forse se ci fosse stata una persona accanto a me a seguirmi, non so, un cenno di incoraggiamento, lo avrei fatto. Forse.
Ma a quanto pare quel racconto mi perseguitava, e anni dopo, decisi di riscriverlo, probabilmente con una scrittura più ricercata di una bambina delle medie, e una testa diversa, meno ribelle, più matura. Ripresi la storia e la riportai prima su my space e poi su splinder, ricordo che una cara amica di vita e un caro amico di penna splinderiano me lo corressero, trovando mille refusi di forma ed io ero felice di entrare in quel mondo di correzioni, di stirature di frasi, sistemate poi da un ferro da stiro che ne limava le pieghe, gli errori.
Cresceva in me la voglia di non soffermarmi a semplici frasi, di non soffermarmi a condividere poesie ma di realizzare un romanzetto, perché a differenza di quando avevo undici anni, dove nessuno a parte l’insistenza del professore che dopo l’orario di lavoro non vedevo più, mi incoraggiava ad andare a fondo, adesso mi incitavano a continuare a scrivere, a continuare quel racconto misterioso, a parlare di me, a raccontare una storia.
Così entrai con passo felpato, nel mondo della letteratura, per ora da principiante. Fino ad ora ero stata lettrice, studiosa, “secchiona”, scrivevo pensieri sciolti, e poesie, la cui ampiezza verrà ripresa in canzoni e alternata al raccontare.
Ero gasata, felice, curiosa, leggevo a dismisura, mi confrontavo e avevo perfino deciso di iscrivermi all’università, volevo diventare brava, davvero brava. All’università ci arrivai, filosofia naturalmente, ma ahimè per questioni economiche e sconvolgimento famigliare dovetti abbandonare. Così studiai da sola, e crescevo come persona, come scrittrice, come artista, mi confrontavo e accarezzavo la tastiera del computer con passione, come se stessi facendo l’amore con le parole che da sole mi uscivano dalla mente, delle volte spontanee, delle volte ricercate, formavo frasi, periodi, che poi riguardavo e rileggevo. Ricominciavo e riprendevo. Facevo errori, anche, ciò che scrissi le prime volte, rileggendole oggi, cambierebbero sicuramente molti intrecci di parole. Ma era bello anche poter sbagliare, poter conoscere questo mondo, a tratti, per poter trarne crescita e diventare pian piano più brava.
Cominciai con la donna misteriosa, bianca perché candida e fantasmagorica, bellissima in ogni gesto, ciò che Dio poteva aver creato era racchiuso in lei, e lei era il simbolo di elevazione, passaggio tra la vita e la morte, nelle sembianze di una donna. Continuai con viaggi onirici uniti a poesie e gesti che anelavano la mia vita formando una catena di attimi ricchi di intensità e di pathos.
Scrivere, e scrivere, e….  e, come scrissi più avanti
Scrivere è l’estensione di me stessa
E poi… cercare l’aspetto musicale delle frasi, leggevo a voce alta, per ascoltare il suono di quelle parole e per sentire se rendevano proprio il timbro che desideravo, la musica è presente in ogni vocale e consonante, quando si uniscono, formano accordi e armonia.
Ormai era concepito, i mesi passati a cullarlo, a sentirlo e a condividere paure, si muoveva dentro, tra gioie e incertezze. Cresceva, tra una carezza, tra inquietudini sul futuro, tra mirabili gesti quotidiani, in cui non si è mai certi di quello che stai facendo, ma come in Feeria, si è in un reame periglioso quanto altrettanto magico e fantastico.
Immagino che fino ad ora abbiate pensato che stessi parlando di un bambino, non ero in cinta, il mio bambino era il concepimento naturale di un libro cartaceo, uno dei miei figli più preziosi, il primo libro, opera prima si dice, con tutti i suoi errori, da principiante, ma anche bellissime frasi e dolci armonie di perfetti accostamenti, con tutte le sue splendide evocazioni, di viaggi tra il reale e il surreale, di toccanti   stati umani, di dolori e scoperte.
Il concepimento dava inizio ad una gravidanza lunga tre anni, durante il quale in comunione con i cambiamenti del libro, i cambiamenti della mia vita. In quei mesi da splinder passai a blogger, purtroppo il mio amato Splinder morì, ecco di nuovo, ne parlo come di una persona, perché così era dentro di me. Blogger, ammetto non mi diede le stesse soddisfazioni, splinder era stato qualcosa di magico, insostituibile, come trovare l’uomo della tua vita, quello che talmente è perfetto per te che se dovesse mancare sai già in partenza che non verrà mai sostituito e ti rimane in bocca quell’amara malinconia, come di una mancanza incolmabile.
Un giorno partecipai alla presentazione di un libro, favole per bambini, e incontrai finalmente il medico che avrebbe fatto partorire il mio primo figlio letterario, lo aveva appena fatto per il libro della presentazione. Capelli bianchi, non molto alto, un gran bel portamento e una delicatezza nell’uso del linguaggio che ti traportava, convincente, un bravo sofista direi.  A fine serata tra una chiacchiera e l’altra, tra una curiosità e l’altra, mi chiese di vedere il manoscritto e prendemmo appuntamento per una visita.
Da quel momento ogni cosa prese il suo corso e tutto fluiva come di un divenire libico, biblico e sacro nella mia mente, lasciavo scorrere gli eventi, era giusto e armonioso, nonostante la vita mi stesse preservando, altrove, tante difficoltà, mi stava anche donando un nuovo inizio, una rinascita, una nuova avventura, da quel momento stavo per entrare ufficialmente nel mondo che da lì in poi mi avrebbe sempre accompagnato regalandomi momenti bellissimi.
L’ansia preparto, dove non sai mai come sarà il momento fatidico, e lì a controllare e ricontrollare che ogni cosa sia al posto giusto, che ogni frase sia disposta nel modo corretto.
Ricordo ancora quel viaggio lunghissimo, interminabile, per arrivare alla clinica dove mi aspettava, il figlio in fasce di cartone imballato, quel figlio tanto atteso.
Ricordo ancora l’odore e il sapore dolciastro delle mie labbra, il mordicchiarmi il labbro inferiore, segno di attesa e di ansia.
Ricordo ancora la telefonata,
è nato
e le emozioni che filtravano da un finestrino abbassato durante una calda giornata d’estate, era il giorno del mio compleanno e nasceva il mio primo libro.
Il travaglio durò un’ora, l’arsura del sole era soffocante, e rivoli di sudore nella pancia, finché lo vidi, era bellissimo.
Leggero, fragile, indescrivibile, con il mio nome scritto in cima, vi rendete conto? Il mio nome. Una trasposizione d’anima, la mia fluttuava anche dentro quel piccolo figlio, pieno di me, in vene e arterie d’inchiostro e cellule di carta. Il primo capitolo “la donna bianca”.
Seguirono presentazioni, successi e traguardi, ma anche delusioni e insegnamenti costruttivi. Seguirono altri libri, ma non con la stessa preziosità. Lui era unico. Gli altri avevano un’unicità diversa, bella ma diversa. Era unico perché nonostante le sue pecche, gli errori di forma che si vedranno solo dopo, le disattenzioni, refusi, continuava ad essere bellissimo, per me, e continua a dare emozioni, oggi:
quelle ad esempio di chi rimane colpito piacevolmente quando lo leggi,
quelle emozioni delle persone che incontri grazie a lui.
Grazie a quel libro ho intrapreso una strada,
quella di fare la scrittrice,
 e grazie a quel libro ho incontrato amici, artisti e scrittori professionisti che mi hanno aiutato a crescere, ad imparare e ad immergermi sempre di più in questo mondo dove io mi sento sempre più legata e affezionata, dove io affino ogni giorno il mio modo di scrivere e spero di regalare attimi, donare evasioni, ed evadere io stessa. Oggi scrivo meglio, ma mai l’intensità di quel primo libro, con tutte le sue imperfezioni sarà sostituita.
Il primo libro è come il primo gesto che fai di ogni cosa.







martedì 22 agosto 2017

MARE

Lo sciabordio del mare
quando è lento
raccoglie
riporta
sporge
sottili frenesie.

lucciole
i riflessi sul mare
su branchie che ondeggiano corpi
evaporare stanchezze
grani di salseddine
espiare pensieri stanti a-se-stanti

nell'immersione
torni natante
in stato embrionale

sei figlio di questa terra
il mare te lo ricorda

e ti ricorda che TU solo
puoi farti travolgere dalle onde o lasciarti cullare

nel bagno asciuga  ascolti il mare e osservi l'infinito.
dentro le acque ascolti te stesso e sei parte di quell'infinito.

noi figli del mare...

venerdì 21 luglio 2017

ESTRATTO dal breve romanzo La vedova Bianca, Inedito

Il profumo traboccante delle fascine di ulivo, preparate dopo la potatura e fatte seccare al sole, si lasciavano bruciare con facilità, dentro quel forno che sembra la cupola di una chiesa. Il crocchiare delle foglie e della legnetta fine, insieme alle lingue di fuoco cantavano suoni di altri tempi, empi di fragranze d’ulivo selvatico, e sughere dolciastre, nonché di terra fresca e balle di fieno appena rastrellate, il fumo veniva risucchiato dalla cappa esterna alla cupola del forno, seguite dal fuoco che si alzava e si abbassava a seconda dell’ampiezza della fiamma. E ancora fascine, fino a riscaldare e mettere in temperatura il forno, che,  riuscivi a capire quando era pronto, dal colore della parete, appena la parte superiore diventava bianca e chiara, il forno raggiungeva la temperatura, allora venivano infornati cibi e il tutto chiuso con una lastra di ferro a misura della bocca, ogni tanto ci si affacciava per controllare. Si dice che il forno antico, ha un animo, più lo usi più il cuore si riscalda e da vita, più lo adoperi, più la cupola si forma e prende d’intensità, più lo vivi, più lui ti da nutrimento, è una condivisione di vita. Da quella bocca erano uscite le più sfarzose prelibatezze, ma una fra tutte, la più sacra, il Pane. 


[Tea Salis]

giovedì 20 luglio 2017

ESTRATTO Q .B.

Sangue fertile, linfa, radici di miele,
la Vita,
mossa da un giglio.
Unisce gli elementi in un solo soffio.
Dal respiro della luce,
il respiro della terra.
La Terra
Lieve e grave il suo passo esteso dal Verbo, gaia efflorescenza, sollazzevole fragranza e magica apologia.
L’hanno eretta tra inganni di fiele.
Violentata.
Deturpata.
La Terra.
Tradita dall’ingordigia mai sazia di avere.

Ma non hanno cancellato
lo spirito di quel soffio
che rende e muove
genera e RI- genera.
La palingenesi della creazione.
Io.
Uomo.
Così piccolo di fronte alla natura,
mi genufletto a cotanto ardore
con gli affetti della mia esistenza

le rendo elogio.
[Tea Salis]