giovedì 8 marzo 2012

Estratti...


[...]Asophia fluisce , si rigenera, in mezzo alle intemperie che la vita le pone , naviga su un vecchio gozzo guidato dall’amicizia e dai primi amori.
Si…
Abbassava lo sguardo, avvinghiando la postura in avanti nel pensare a lui  per paura che vedesse la frenesia, le gote arrossate dall’imbarazzo del solo essergli vicino. Nutriva un desiderio incontrollato, sentiva i gemiti dell’eccitazione,  i lamenti insistenti degli ormoni impazziti  e si toccava per planare l’irruenza dell’eros e allo stesso tempo curiosare il clitolide  pulsante, e le pareti misteriose della sua intimità.
Tutto il corpo cominciava a ballare danze effervescenti,  una coreografia di nervi, vene, arterie, muscoli contratti e rilassati, la pelle accapponata , il cuore vivo di luce ribollito di un vino nuovo ; tutte quelle attività che la natura ci offre , che il pensiero percepisce e che nel corpo si manifestano , non solo a livello biologico ridotto a mero istinto animale,  un livello più alto,  in cui l’oggetto non viene visto separatamente dal soggetto come spesso accadde oggi ma in perfetta simbiosi. [...] 

4 commenti:

  1. come rotoli melodiosamente...
    con le parole, e con la voce
    complimenti vivissimi!

    RispondiElimina
  2. Grazie e benvenuto in questo blog ^_^

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. ziiiiiiiii, pian piano sto imparando^.-

      Elimina

asophia intona